vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Colleretto Giacosa appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Personaggi

Giuseppe Giacosa

Giuseppe Giacosa nacque a Colleretto-Parella [oggi Colleretto Giacosa, Torino] nel 1847. Studiò ad Ivrea, Modena e Brescia, conseguì la laurea nel 1868, e cominciò la pratica nello studio del padre. Durante questi anni frequentò l'ambiente letterario torinese, legandosi ad amicizia soprattutto con gli scrittori che frequentavano la società "Dante Alighieri" (Sacchetti, Boito, Camerana).
La sua prima opera, Una partita a scacchi (1873), commedia in versi d'ambientazione medievale, che seguiva schema tardo- romantico riscosse un discreto successo e, proprio sull'onda di questo successo, Giacosa compose altri drammi ispirati ad un Medioevo estremamente idealizzato, quali Il trionfo d'amore (1875) e Il fratello d'armi (1877).
Agli stessi anni risalgono alcuni «proverbi drammatici» che incontrarono anch'essi i favori del pubblico: tra essi spicca Non dir quattro se non l'hai nel sacco (1873).
Nello stesso periodo si impegnò sul fronte giornalistico, collaborando a giornali e riviste quali Illustrazione italiana, Gazzetta piemontese, Corriere della sera, Nuova antologia. Nel 1901 diventò direttore della rivista milanese «La Lettura». Mentre si affermava come giornalista, si avvicinò al naturalismo volgendosi all'analisi della società regionale italiana. In questa direzione un felice risultato raggiunse il libro Novelle e paesi valdostani (1886).
Dopo il successo di alcuni suoi testi teatrali, lasciò l'insegnamento per dedicarsi a scrivere per il teatro a tempo pieno. I testi di questo periodo trattano di temi d'attualità e sono di orientamento naturalista: Tristi amori (1887), I diritti dell'anima (1894), Come le foglie (1900).
Oltre che per la sua principale attività come scrittore e commediografo, Giacosa va ricordato anche per il suo ricco contributo alla stesura di importanti testi operistici. In collaborazione con l'amico Illica, fu autore di libretti di successo musicati da Puccini: Boheme (1896), Tosca (1899), Madama Butterfly (1904).
Morì nel paese natale il 2 settembre 1906.

BIOGRAFIA GIUSEPPE GIACOSA

Giuseppe Giacosa, commediografo e librettista delle parole delle opere La Bohème, Tosca e Madama Butterfly, musicate da Puccini, è uno straordinario e poliedrico personaggio la cui biografia merita d’essere conosciuta. La sua casa, “La Grande Arca”, qui a Colleretto Giacosa, divenne luogo di ritrovo e richiamo degli illustri comprimari di un cenacolo culturale di personalità come Eleonora Duse, Toscanini, De Alici, Carducci, Boito che ha come regista e attore protagonista questo illustre canavesano.
LA SCHEDA ALLEGATA permette di conoscere anche la storia della sua casa e le celebrazioni organizzate dal Comune di Colleretto Giacosa, corredate da piacevoli immagini

Galleria Fotografica - Giuseppe Giacosa